Storia PDF  | Stampa |  E-mail
Scritto da AS Moesa   

La storia dell'AS Moesa

Le radici dell'Associazione Sportiva Moesa hanno origini nell'anno 2009, quando un gruppo di appassionati sostenitori del calcio Moesano, decide di rimboccare le classiche maniche per portare il calcio della nostra Valle al livello che merita. Quando il progetto è cominciato, non c’erano infatti squadre mesolcinesi che militavano oltre la Quarta Lega.
Il primo passo concreto è quello di aprire le porte ad una collaborazione tra le due squadre AS San Giorgio Lostallo e US Gloria entrambe compagini di Quarta Lega. Nella stagione calcistica 2009-2010 le due squadre mantengono i loro nomi ma la cooperazione permette loro di condividersi i giocatori e di potersi aiutare nei momenti di bisogno.
La collaborazione tra le due squadre di Leggia e Lostallo dà dei buoni frutti già dopo il primo anno. L’ASSG Lostallo riesce a collezionare 52 punti in 22 partite, posizionandosi a sole due lunghezze dalla capolista Cadenazzo. Questi numeri valgono nientedimeno che la promozione in Terza Lega, come migliore seconda classificata tra i quattro gruppi. La promozione tanto desiderata giunge quindi già dopo il primo anno di collaborazione; ma anche l’US Gloria regala delle belle soddisfazioni in questo campionato. La squadra di Leggia realizza infatti 46 punti piazzandosi al terzo posto e a soli 5 punti dalla capolista dopo un campionato che vede la compagine giostrare sempre a ridosso delle prime.
Il 1° di luglio 2010 coincide con la nascita ufficiale dell’Associazione Sportiva Moesa. L’unione tra le due squadre collaboranti avviene quindi anche a livello di nome. Nella stagione 2010-2011 L’AS Moesa presenta due squadre: L’AS Moesa 1, che milita nel campionato di Terza Lega e L’AS Moesa 2 che milita in Quarta Lega.

Stagione 2010-2011

Sotto lo stesso nome di AS Moesa le due compagini giocano sempre nei campi di Lostallo (AS Moesa 1, Terza Lega) e di Leggia (AS Moesa 2, Quarta Lega). Nulla cambia in fatto di collaborazione e di obiettivi di società. Le due compagini si danno man forte per giungere agli impegni di campionato e di Coppa con squadre sempre competitive. A far parte della rosa dell’AS Moesa giungono a dar man forte diversi nuovi giocatori per migliorare la qualità soprattutto in ottica della squadra Uno che milita in una Lega superiore rispetto all’anno precedente.
I frutti di questa collaborazione si sono visti anche durante questa stagione. Sebbene l’AS Moesa 2 non abbia particolarmente brillato a livello di classifica a fine campionato, bisogna comunque ricordare che la salvezza è giunta senza affanno e diverse squadre che l’hanno fatta da padrone in questo girone hanno avuto non poche difficoltà nell’affrontare la nostra squadra di Quarta Lega, che spesso e volentieri, ha rosicchiato punti affrontando le più quotate compagini senza timori reverenziali.
Obiettivo salvezza raggiunto pure dall’AS Moesa 1. Dopo poco tempo si è subito capito che questa squadra avrebbe raggiunto la salvezza senza troppi problemi e infatti si è guadagnata in breve tempo il rispetto delle altre squadre del girone. Più volte definita come la squadra che macina il miglior gioco, l’AS Moesa 1 è risultata la sorpresa del campionato e ha collezionato davvero tanti punti. In alcuni frangenti del campionato la squadra ha perso punti ingenuamente in altri frangenti, come contro la capolista indiscussa, la bravura degli avversari non ha permesso ai nostri di guadagnare punti necessari per avvicinarsi ai vertici assoluti del girone. In tutte le partite tuttavia, anche contro la capolista, i nostri hanno mostrato grande determinazione e un gioco bello e spumeggiante. L’AS Moesa 1 è giunta quinta alla fine del campionato raccogliendo 42 punti.

Stagione 2011-2012

La grande novità in seno alla società dell’AS Moesa è la riduzione delle squadre da due ad una sola. Quindi non più AS Moesa 1 e AS Moesa 2, bensì e semplicemente AS Moesa! La squadra milita nel campionato di Terza Lega e quindi le rose delle due squadre si sono fuse. Anche quest’anno sono giunti dei rinforzi validi per permettere all’AS Moesa di continuare ad essere una squadra competitiva.

Stagione 2012-2013

Dopo tante energie spese dentro e fuori campo e dopo diverse belle soddisfazioni, come la promozione in terza lega, Ulderico Rosa lascia la panchina del Moesa. Al suo posto arriva un grande conoscitore del calcio regionale: Angelo Di Federico. Un campionato quello trascorso giocato quasi sempre al vertice, soprattutto nella prima parte della stagione. Un ritorno in sordina con punti gettati al vento, un gioco poco brillante e una condizione fisica mai al top, non hanno permesso ai Misoxer di almeno disputare la partita di spareggio per accedere in sedonda lega. Il terzo posto in classifica, dietro a Magliaso-Vernate e Paradiso, la seconda miglior difesa (35), il terzo miglior attacco (65) e i 52 punti raccolti, equivalgono al miglior risultato della storia dell'AS Moesa. La seconda lega non era tra gli obiettivi stagionali, ma certamente lo sarà negli anni a venire. L'AS Moesa attualmente è la squadra faro del calcio mesolcinese, anche alla luce dei pessimi risultati delle altre squadre vallerane con ben due retrocessioni in quinta lega di FC Alta Moesa e SC Rorè. Certamente le cose in futuro non andranno meglio e sarà sempre più difficile trovare le risorse umane ed economiche per andare avanti, proprio per questo le collaborazioni e le fusioni saranno un aiuto per tutti. L'AS Moesa rimane il motore calcistico della valle e punto di riferimento per i giovani e speriamo che questo progetto riesca prima o poi a coinvolgere anche le altre società per creare tutti assieme qualcosa di importante, come da oltre vent'anni lo sta facendo brillantemente il movimento giovanile dei Grandinani.

Stagione 2013-2014

Dopo solo poche partite Angelo Di Federico lascia la guida del Moesa per approdare al Paradiso compagine di seconda lega. Le redini della squadra vanno a Jan Cereghetti, già assistente/giocatore fino a quel momento di Di Federico. Fin da subito si capisce che sarà un anno di transizione con un avvio difficoltoso, ma con l'inserimento di diversi ottimi giovani proveniente dal settore giovanile. I risultati sono altalenanti, il Moesa perde punti preziosi contro squadre delle retrovie e mai i mesolcinesi sono riusciti nel corso della stagione a battere le squadre più forti del gruppo. Un quinto posto finale (37 punti in 2 partite, 53 goal fatti,45 subiti) che comunque è molto positivo visto le premesse di inizio campionato. La collaborazione con l'Alta Moesa prosegue positivamente con anche l'ottima prestazione in coppa Ticino, dove diversi giocatori della rosa del Moesa sono stati impiegati. Da segalare che anche l'anno prossimo in Mesolcina ci saranno tra squadre in quinta lega. Il Roré ci ha provato con tutte le forze, ma alla fine l'ha spuntata l'Iragna.

Stagione 2014-2015

Prima stagione completa per mister Jan Cereghetti. Alcuni innesti nella rosa, più allenamenti e un gruppo ben coeso, partono con l'idea e l'intento di portare l'AS Moesa in seconda lega. Il Moesa parte a mille. Al giro di boa è solitario al comando dopo un filotto di 9 vittorie e una sola sconfitta. Il meccanismo ben oliato trasforma il Moesa in una macchina da goal (a fine stagione saranno 80 le reti segnate). Portroppo il girone di ritorno non sarà altrettanto prosperoso per i Mesolcinesi. Alti e bassi si susseguono, il vantaggio accumulato vien pian piano eroso dalle inseguitrici. Al termine sarà comunque secondo, alle spalle del meno entusiasmante Verscio, ma sicuramente più cinico e solido. Da segnalare le 28 reti in campionato di Ron Cereghetti (record per il Moesa). Non è sicuramente una annata buttata. Le aspettative erano alte, ma fino a 2 giornate dal termine si è lottato per una promozione. (la classifica finale)
Il calcio vallerano l'anno prossimo presentarà la così detta "piramide". Dalla terza alla quinta avremo delle compagini che potranno farsi valere.


FORZA AS MOESA